Cerca nel sito
Definizione agevolata liti tributarie pendenti
Definizione agevolata liti tributarie pendenti

Il Comune di Podenzano, ha approvato il Regolamento per la definizione agevolata delle liti tributarie pendenti.

Entro il prossimo 2 ottobre 2017, pagando un importo agevolato, si potranno definire le controversie tributarie - in cui il ricorso in primo grado sia stato notificato dal contribuente entro il 24 aprile 2017, pendenti in ogni stato e grado di giudizio, compreso quello in Cassazione e anche a seguito di rinvio, oppure in pendenza del termine di impugnazione della sentenza o per la riassunzione della controversia.

Sono definibili anche le controversie inerenti gli avvisi di liquidazione e i ruoli.

Restano, invece, escluse le liti relative al rifiuto alla restituzione di tributi, quelle di valore indeterminabile, come, ad esempio, per il classamento degli immobili e, più in generale, quelle per le quali manchino importi da versare da parte del contribuente.

Per la definizione occorre pagare gli importi spettanti ai Comuni con l’atto impugnato e ancora in contestazione, con esclusione delle sanzioni collegate ai tributi contestati, e degli interessi di mora.

Se la lite riguarda esclusivamente sanzioni non collegate ai tributi o interessi di mora, la definizione comporta l’abbattimento al 40% degli importi in contestazione.

Sono naturalmente da sottrarre gli importi già versati in pendenza di giudizio ed eventualmente gli importi dovuti per la “rottamazione ruoli” o la “rottamazione ingiunzioni” delle ingiunzioni previste dagli artt. 6 e 6-ter del DL 193/2016.

I contribuenti interessati per chiudere le liti in modo agevolato devono entro il 2 ottobre 2017:

  • versare gli importi dovuti o la prima rata
  • presentare la relativa domanda di definizione della controversia in maniera diretta, per raccomandata a.r. o mezzo pec alla casella unionevalnure@legalmail.it .

La definizione consente di pagare in un’unica soluzione, oppure, se l’importo netto dovuto è superiore a 2.000 euro, in due o tre rate.

In caso di pagamento dilazionato, la prima rata deve essere di importo pari al 40% del totale delle somme dovute, la seconda, pari all'ulteriore 40% è fissata al 30 novembre; la terza e ultima rata, pari al residuo 20% va versata entro il 2 luglio 2018.




powered by infonet srl piacenza

  Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK